Archive for maggio, 2007


 
Yesterday
 
Yesterday, all my troubles seemed so far away
Now it looks as though they’re here to stay
Oh, I believe in yesterday
 
Suddenly, I’m not half the man I used to be
There’s a shadow hanging over me
Oh, yesterday came suddenly
 
Why she had to go?
I don’t know she wouldn’t say
I said something wrong
Now I long for yesterday
 
Yesterday, love was such an easy game to play
Now I need a place to hide away
Oh, I believe in yesterday
 
Why she had to go?
I don’t know she wouldn’t say
I said something wrong
Now I long for yesterday
 
Yesterday, love was such an easy game to play
Now I need a place to hide away
Oh, I believe in yesterday
 
Traduzione:
 
Ieri
 
Ieri tutti i miei problemi sembravano lontani
Ora sembra che siano qui per restare
Oh, io credo nel passato
 
Improvvisamente non sono più neppure la metà dell’uomo che ero
C’è un’ombra che incombe su di me
Oh, ieri è arrivato improvvisamente
 
Perché ha dovuto andarsene?
Io non lo so, lei non me lo direbbe
Ho detto qualcosa di sbagliato
Ora io desidero il passato
 
Ieri l’amore era un gioco facile da fare
Ora ho bisogno di un luogo dove nascondermi
Oh, io credo nel passato
 
Perché ha dovuto andarsene?
Io non lo so, lei non me lo direbbe
Ho detto qualcosa di sbagliato
Ora io desidero il passato
Ieri l’amore era un gioco facile da fare
Ora ho bisogno di un luogo dove nascondermi
Oh, io credo nel passato
 
The Beatles
 

Pierre Corneille

 
Il fuoco che sembra spento spesso dorme sotto la cenere.

Senza di te

Non posso esistere senza di te. 
Mi dimentico di tutto tranne che di rivederti: 
la mia vita sembra che si arresti lì, 
non vedo più avanti. 
Mi hai assorbito. 
In questo momento ho la sensazione 
come di dissolvermi:
sarei estremamente triste 
senza la speranza di rivederti presto. 
Avrei paura a staccarmi da te. 
Mi hai rapito via l’anima con un potere 
cui non posso resistere;
eppure potei resistere finché non ti vidi; 
e anche dopo averti veduta 
mi sforzai spesso di ragionare 
contro le ragioni del mio amore. 
Ora non ne sono più capace. 
Sarebbe una pena troppo grande.
Il mio amore è egoista. 
Non posso respirare senza di te.

John Keats

Totò


Core analfabbeta

Stu core analfabbeta
tu ll’he purtato a scola,
e s’è mparato a scrivere,
e s’è mparato a lleggere
sultanto na parola:
"Ammore" e niente cchiù. 

  Totò

Soldati

Si sta come
d’autunno
sugli alberi
le foglie

Giuseppe Ungaretti



Edward Morgan Forster

 
Se dovessi scegliere tra il tradire il mio paese e tradire il mio amico, spero di avere il fegato di tradire il mio paese.
 
da What I Believe, in Two Cheers for Democracy
 
 
Il Mago Pancione Etcì
 
C’e’ una favola di mago che sta in un vaso,
con la moglie e con la figlia, stragrande meraviglia.
Basta fargli uno starnuto, si precipita in aiuto,
prima mette fuori il naso, e poi la pancia!! Etcci!
Cambia le carrozze in carrozzine, Etcci
con le selle fabbrica lampadine, Etcciu
Sbuccia senza mani le noccioline, Etcci
Auli, aule, tulilem blem blu.
Sono il mago pancione, (con un cuore cosi’)
Sono il mago pancione, (dice sempre di si!)
Basta che ti scappa uno starnuto, Etcci
che diventa subito un amico, Etcciu
qualche volta un naso raffreddato, Etcci
vale quel tesoro che cerchi tu.
E’ un mago pasticcione, e un po spaccone,
con tanta voglia di aiutare, ma tanta di mangiare.
Se gli danno una polpetta, la magia fara’ piu’ in fretta,
senza un colpo di bacchetta, fan tutto quello che vuoi.
Cambia un cavallo in un coccodrillo, Etcci
fa con chiodi e colla una caramella, Etcciu
tocca un materasso e diventa un sasso, Etcci
Auli, aule, tulilem blem blu.
Sono il mago pancione, (con un cuore cosi’)
Sono il mago pancione, (dice sempre di si!)
Basta che ti scappa uno starnuto, Etcci
che diventa subito un amico, Etcciu
qualche volta un naso raffreddato, Etcci
vale quel tesoro che cerchi tu.
C’e’ una favola di mago che sta in un vaso,
che se mette fuori il naso, felice ti fara!
 
Lu pisci spada
 
Chist’è ’na storia
d’un pisci spada
storia d’amuri….
Dai e dai lu vitti lu vitti lu vitti
pigghia la fiocina accidilu accidilu accidilu ahh…
te pigghiaru ’a la fimminedda drittu drittu ’ntra lu cori
e chiancìa di duluri ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e la varca la strascinava e lu sangu ni curria
e lu masculu chiancìa ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e lu masculu parìa ’mpazzutu
mi dicia bedda mia nun chiancìri
bedda nun chiancìri
dimmi tia c’haju a fari…..?
Rispunnia la fimminedda
ccu nnu filu e filu ’i vuci
scappa scappa amuri miu
’ca sinò t’accidunu…
No no no no no amuri miu
si tu mori vogghiu murìri ’nzemi a tia
si tu mori amuri miu vogghiu murìri….
Ccu nu saltu si truvàu ccu issa
’ncucchiu ’ncucchiu cori a cori
e accussì finìu l’amuri
di du’ pisci sfurtunati….
Dai e dai lu vitti lu vitti lu vitti
c’è puru lu masculu
pigghia la fiocina accidilu accidilu ahhh…
Chist’è ’na storia
d’un pisci spada
storia d’amuri.
 
Domenico Modugno
 
 
Tu si’ ‘na cosa grande
 
Tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca me fa nnammura’
‘na cosa ca si tu guard”a mme
je me ne moro accussi’
guardanno a tte
vurria sape’ ‘na cosa da te
pecche’ quanno i’ te guardo accussi’
si pure tu te siente ‘e muri’
nun m”o ddice
e nun m”o faje capi’, ma pecche’.
e dillo ‘na vota sola
si pure tu staje tremmanno
dillo ca me vuoi bene
comm’io, comm’io,
comm’io voglio bene a tte…
tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca tu stessa nun saje
‘na cosa ca nun aggio avuto maje
nu bene accussi’, accussi’ grande…
(Instrumental)
si pure tu te siente ‘e muri’
nun m”o ddice
e nun m”o faje capi’, ma pecche’.
e dillo ‘na vota sola
si pure tu staje tremmanno
dillo ca me vuoi bene
comm’io, comm’io,
comm’io voglio bene a tte…
tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca tu stessa nun saje
‘na cosa ca nun aggio avuto maje
nu bene accussi’, accussi’ grande
accussi’ grande,
accussi’ grande
 
Domenico Modugno

Dove andrò senza il mio ben?

 
Atto III, Scena 1
 
ORFEO
Qual pena! oh come il core
Mi si lacera in sen! Più non resisto:
Oh! celeste deliro!… Ah! mio tesoro!
Amata sposa!
  
(si volta con impeto e la guarda)
 
EURIDICE
O Dei. che avvenne?
(alzandosi con forza e tornando a cadere)
Io moro…
  
(muore)
 
ORFEO
Dove trascorsi, ohimè, dove mi spinse
Un delirio d’amor!…
(le si accosta con fretta)
Sposa!… Euridice!…
(la scuote)
Euridice!… diletta! Ah più non m’ode,
Ella è spenta per me! Misero! ed io,
Io fui che morte a lei recava! Oh legge
Spietata! quel martir al mio somiglia!
n questa ora funesta
Sol di morir con te, lasso! mi resta!
Che farò senza Euridice?
Dove andrò senza il mio ben?
Euridice!… Oh Dio! Rispondi!
lo son pure il tuo fedel!
Euridice… Ah! non m’avanza
Più soccorso, più speranza,
Né dal mondo, né dal ciel!
Che farò senza Euridice?
Dove andrò senza il mio ben?
Ma finisca, e per sempre,
Colla vita il dolor! Del nero Averno
Sono ancor sulla via: lungo cammino
Non è quel che divide
Il mio bene da me.
M’aspetta, ombra adorata! Ah, questa volta
Senza lo sposo tuo non varcherai
L’onde lente di Stige! Io sfido, o Numi,
Sin il vostro poter!
 
(vuol ferirsi)
 
Orfeo ed Euridice, Libretto: Ranieri De’ Calzabigi, Musica: Christoph W. Gluck