Mio caro Simone, dopo di te il rosso non è più rosso, l’azzurro del cielo non è più azzurro, gli alberi non sono più verdi. Dopo di te, devo cercare i colori dentro la nostalgia che ho di noi… i nostri sguardi rubati in mezzo a un mondo di ciechi, che non volevano vedere.