Archive for marzo, 2008


Ernest Hemingway

 
È stupido non sperare, pensò. E credo che sia peccato.
 
da Il Vecchio e il Mare
 
Annunci
 
Il modo migliore di perdere una cattiva abitudine è sostituirla con una peggiore.
 
Se voi signorine finirete questo corso, e se sopravviverete all’addestramento… sarete un’arma, sarete dispensatori di morte e pregherete per combattere! Ma fino a quel giorno… siete uno sputo, la più bassa forma di vita che ci sia nel globo! Non siete neanche fottuti esseri umani, sarete solo pezzi informi di materia organica anfibia comunemente detta merda. Dato che sono un duro non mi aspetto di piacervi, ma più mi odierete, più imparerete! Io sono un duro però sono giusto! Qui non si fanno distinzioni razziali! Qui si rispetta gentaglia come negri, ebrei, italiani o messicani! Qui vige l’eguaglianza non conta un cazzo nessuno, i miei ordini sono di scremare tutti quelli che non hanno la palle necessarie per servire nel mio beneamato corpo! Capito bene luridissimi vermi?!! (Sergente Hartman)
Sei proprio tu, John Wayne? E io chi sarei? (Soldato Joker)
I miei pensieri vanno di nuovo ai capezzoli eretti, alle eiaculazione notturne, ai sogni bagnati di Mary Jane Ficarotta, alle fantasie dell’immensa scopata al ritorno a casa. Sono proprio contento di essere vivo, tutto d’un pezzo, e prossimo al congedo… certo vivo in un mondo di merda, questo sì, ma sono vivo… e non ho più paura. (Soldato Joker) [Scena finale, mentre torna a casa]
Dio ci si arrapa con i marines. Perché noi ammazziamo tutto quello che vediamo! Lui fa il suo mestiere, noi facciamo il nostro! E per dimostrargli il nostro apprezzamento per averci dato tanto potere, noi gli riempiamo il cielo di anime sempre fresche! Dio è arrivato prima del Corpo dei marines e quindi a Gesù voi potete offrire il cuore, ma il vostro culo appartiene alla nostra arma! (Sergente Hartman)
Chi ha parlato? Chi cazzo ha parlato? Chi è quel lurido stronzo comunista checca pompinaro che ha firmato la sua condanna a morte? Ah, non è nessuno eh? Sarà stata la fatina buona del cazzo! Vi ammazzo a forza di ginnastica, vi faccio venire i muscoli al buco del culo, che ci potrete succhiare il latte senza cannuccia! (Sergente Hartman)
Io ti svito il cranio e ti cago in gola! (Sergente Hartman)
Hai un culo che è pari a un quintale e mezzo di chewing gum masticato! Te ne rendi conto Palla di lardo? (Sergente Hartman)
Io giuro che riuscirò a motivarti Palla di lardo, a costo di andare ad accorciare il cazzo a tutti i cannibali del Congo! (Sergente Hartman)
Tutti quelli che scappano sono Viet Cong, tutti quelli che restano fermi sono Viet Cong molto bene educati! (Soldato) [Mentre spara contro i civili Vietnamiti]
Joker è proprio un duro, succhierebbe il moccio dal naso di un morto… e chiederebbe il bis! (Soldato Payback)
Come diceva John Wayne: "Un giorno senza sangue è come un giorno senza sole". (Soldato Joker)
Ma tu ci sei nato sotto forma di viscido sacco di merda, Palla di Lardo, o ci hai studiato per diventarlo? (Sergente Hartman)
Sempre il negretto dietro al grilletto, eh?! (Soldato Eightball)
Tornate in branda! Ma che cazzo di cinematografo è questo? Che vi prenda un accidente secco, che cazzo state facendo nel mio cesso? Come mai il soldato Palla di Lardo non è in branda dopo il silenzio? Come mai il soldato Palla di Lardo ha un fucile in mano? Come mai non gli hai ancora strappato le budella soldato Joker? (Sergente Hartman)
Qui tu non riderai, tu non piangerai, qui si riga dritto e basta! (Sergente Hartman)
Qui vige l’uguaglianza, non conta un cazzo nessuno. (Sergente Hartman)
Questo è il mio fucile. Ce ne sono tanti come lui, ma questo è il mio. Il mio fucile è il mio migliore amico, è la mia vita. Io debbo dominarlo come domino la mia vita. Senza di me il mio fucile non è niente; senza il mio fucile io sono niente. Debbo saper colpire il bersaglio, debbo sparare meglio del mio nemico che cerca di ammazzare me, debbo sparare io prima che lui spari (a) me e lo farò. Al cospetto di Dio giuro su questo credo. Il mio fucile e me stesso siamo i difensori della patria, siamo i dominatori dei nostri nemici, siamo i salvatori della nostra vita e così sia, finché non ci sarà più nemico ma solo pace. Amen. ["Preghiera" dei marines]
Una sbarbina non la voglio perché | solo il fucile porterò con me | e se in battaglia poi io creperò | dentro una bara tornerò! (Sergente Hartman) [Cantando]
I morti sanno soltanto una cosa: che è meglio essere vivi. (Soldato Joker)
Voi volete prima classe fotti fotti? (Militare sudvietnamita) [Presentando ai soldati statunitensi una prostituta vietnamita]
We play fair and we work hard and we’re in harmony M-I-C-K-E-Y M-O-U-S-E Mickey Mouse! Mickey Mouse! Forever let us hold our banner high. High! High! High! Boy and girls from far and near you’re as welcome as can be M-I-C-K-E-Y M-O-U-S-E… (Marines in coro) [Marciando]
Con lui ammaziam e con questo chiaviam… (Sergente Hartman) [Cantando]
Stanotte, vi porterete a letto il vostro fucile, e darete al vostro fucile un nome di ragazza, perché sarà quello l’unico buco che voialtri rimedierete qui dentro. I bei tempi dei ditalini alle vostre Mary-Jane-Fica-Rotta con le loro belle mutandine rosa, sono finiti! Siete sposati al fucile, quel coso fatto di legno e di ferro, e rimarrete fedeli soltanto a lui! (Sergente Hartman)
[Soldato Palla di lardo all’ostacolo] Monta monta ciccia molla! Svelto datti da fare Palla, sali su! Sali su! A vederti sembra di guardare un vecchio che cerca di scopare, te ne rendi conto Palla?! Avanti coraggio! Vai troppo piano, muoviti muoviti! Soldato Palla di lardo fai quello che vuoi ma non mi cascare di sotto, mi faresti morire di crepacuore! Su, forza, passa di là! Passa di là! Allora, che cazzo stai aspettando, soldato Palla di lardo? Passa dall’altra parte, muoversi! Muoversi! Muoversi! Allora mi vuoi proprio deludere? Hai deciso così? Allora rinuncia e vattene via brutto tricheco grasso di merda, vattene via dal mio ostacolo del cazzo! Scendi giù da questo ostacolo del cazzo! Scendi! Muoviti! Altrimenti ti strappo via le palle così ti impedisco di inquinare il resto del mondo! Io giuro che riuscirò a motivarti, Palla di lardo, a costo di andare ad accorciare il cazzo a tutti i cannibali del Congo! Avanti, muovi i piedi, cammina, Palla di lardo! Più svelto! Muoviti! Ma tu ci sei nato sotto forma di viscido sacco di merda, Palla di lardo? O hai studiato per diventarlo? Muoviti, più svelto! Tirati su! La guerra è gia bella che finita prima che arrivi tu! Lo capisci Palla di lardo? Muoviti! Ma che fai, ci lasci l’anima Palla di lardo? Tu vuoi morire per fregare me? Avanti crepa! Fai vedere, vai muoviti, svelto svelto svelto! Che c’è ti gira la testa? Ti senti svenire? Ma Cristo di un Dio, cosa fai, stai svenendo?! (Sergente Hartman)
Palla di Lardo, sarà meglio che rimetti il culo in carreggiata e cominci a cacarmi anelli con brillanti su di un piatto d’argento, sennò sarò costretto a fotterti di brutto! (Sergente Hartman)
 
Sergente Hartman: Io sono il sergente maggiore Hartman, vostro Capo Istruttore. Da questo momento potete parlare solo quando vi sarà richiesto, e la prima e l’ultima parola che dovrà uscire dalle vostre fogne sarà Signore. Tutto chiaro luridissimi vermi?
Reclute: Signorsì signore.
Sergente Hartman: Ah che cazzo non vi sento! Rispondete come se ne aveste davvero!
Reclute: Signorsì signore! [Urlando]
Sergente Hartman: E tu che scusa hai?
Soldato Cowboy: Signore, scusa di che, signore?
Sergente Hartman: Le domande qui le faccio io fino a prova contraria, sono stato chiaro?
Soldato Cowboy: Signorsì, signore.
Sergente Hartman: Bene, grazie mille, ti dispiace se comando io per un po’?
Soldato Cowboy: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Sei un po’ emozionato, sei un po’ nervoso?
Soldato Cowboy: Signorsì, nervoso, signore.
Sergente Hartman: Sono io che ti rendo nervoso?
Soldato Cowboy: Signore?
Sergente Hartman: Signore cosa, avevi mica intenzione di darmi dello stronzo?
Soldato Cowboy: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Quanto sei alto soldato?
Soldato Cowboy: Signore, 1 e 73 signore.
Sergente Hartman: 1 metro e 73? Prima non facevano pile di merda così alte… cerchi anche di fregarmi qualche centimetro?! Eeh… è chiaro, io dico che la parte migliore dello schizzo da cui sei nato è colata tra le chiappe di tua madre ed ha macchiato il materasso. T’hanno fatto con lo scarto! Da dove cazzo vieni comunque soldato?
Soldato Cowboy: Signore, Texas Signore.
Sergente Hartman: Strano io ho sempre saputo che nel Texas ci nascono solo tori e checche, soldato Cowboy. Tu l’aria del toro non ce l’hai neanche un po’ e quindi il cerchio si restringe! Tu succhi i cazzi?
Soldato Cowboy: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Ci soffi dentro per gonfiarli?
Soldato Cowboy: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Io scommetto che tu sei uno di quegli ingrati che lo mette in culo a qualche poveraccio senza usargli la cortesia di menarglielo davanti per sdebitarsi. Ti terrò d’occhio.
Soldato Joker: Quelle sono cartucce cariche?
Soldato Palla di Lardo: 7.62 blindatissime. Full Metal Jacket!
Sergente Hartman: Che nome hai dato al tuo fucile Palla di Lardo?
Soldato Palla di Lardo: Signore, il nome del fucile di Palla di Lardo è Charlene Signore!
Soldato Joker: E come fai a sparare sulle donne e sui bambini?
Soldato: È facile, vanno più lenti! Miri più vicino!
Sergente Hartman: I tuoi genitori hanno anche figli normali?
Soldato Palla di Lardo: Signorsì, signore.
Sergente Hartman: Si saranno pentiti di averti fatto. Tu sei talmente brutto che sembri un capolavoro d’arte moderna. Come ti chiami sacco di lardo?
Soldato Palla di Lardo: Signore, Leonard Lawrence, signore.
Sergente Hartman: Lawrence? Lawrence come? D’Arabia?
Soldato Palla di Lardo: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Il tuo è un nome da nobili! Tu sei di sangue reale?
Soldato Palla di Lardo: Signorno, signore.
Sergente Hartman: E tu li succhi i cazzi?
Soldato Palla di Lardo: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Balle! Tu ti succhi una pallina da un capo all’altro del tubo per innaffiare!
Soldato Palla di Lardo: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Non mi piace il nome Lawrence, solo finocchi e marinai si chiamano Lawrence. D’ora in poi tu sarai Palla di Lardo!
Sergente Hartman: Mi trovi carino soldato Palla di Lardo, ti sembro buffo?
Soldato Palla di Lardo: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Allora strappati dal grugno quel sorriso da stronzo!
Soldato Palla di Lardo: Signorsì, signore.
Sergente Hartman: Bene, prenditela pure comoda, TESORO!
Soldato Palla di Lardo: Signore, ci provo, Signore!.
Sergente Hartman: Palla di Lardo, ho deciso di darti tre secondi, esattamente tre fottuti secondi, per toglierti quel sorriso da cretino dal muso. In caso contrario ti strappo le palle degli occhi e ti fotto il cervello!!!… UNO…DUE…TRE…
Soldato Palla di Lardo: Signore, non ci riesco, signore!
Sergente Hartman: BALLE!!! mettiti in ginocchio, sacco di merda!!! (breve silenzio) Strangolati da solo!!! Ma no, con la mia mano, brutto stronzo!!! Non mi tirare la mano!!! Ho detto di strangolarti da solo!!! Chinati davanti e fatti strangolare!!! (Palla di Lardo si fa strangolare) Hai finito di sorridere?
Soldato Palla di Lardo: Signorsì, signore!!!
Sergente Hartman: BALLE!!! Non ho sentito quello che hai detto!!!
Soldato Palla di Lardo: Signorsì, signore!!!
Sergente Hartman: BALLE!!! Non ti sento ancora, urla come se li avessi davvero!!!
Soldato Palla di Lardo: Signorsì, signore!!!
Sergente Hartman: Basta così, alzati in piedi!!! (Palla di Lardo si rialza) Palla di Lardo, è meglio che metti il culo in carreggiata e cominci a cacarmi anelli con brillanti su un piatto d’argento se no sarò costretto a fotterti di brutto!!!
Soldato Palla di Lardo: Signorsì, signore!!!
Soldato Joker: Ragazzi, mi sono proprio rotto le palle. Voglio tornare nella merda. È un mese che non sento un colpo sparato con cattiveria.
Soldato Payback: Joker è proprio un duro. Succhierebbe il moccio dal naso di un morto. E chiederebbe il bis.
Soldato Joker: Come diceva John Wayne: un giorno senza sangue è come un giorno senza Sole.
Soldato Payback: Va’ al cazzo. Per Joker la boscaglia della morte è solo quella che hanno tra le cosce le donne. Nella merda vera non c’è mai stato. È duro descrivere un massacro come quello di Hastings.
Soldato: Ma tu a Hastings non c’eri mica, Payback. Non eri ancora arrivato.
Soldato Payback: Ma tu cosa ne sai, brutto furiere ispano-americano del cazzo. A Hastings c’ero eccome. Era nella merda come gli altri.
Soldato Joker: Rafterman, non dare retta alle balle che dice Payback. Ogni tanto si convince lui di essere John Wayne.
Soldato Payback: Sì, tu da’ retta a Joker. Lui ne sa ti-ti, niente di niente. Si vede dallo sguardo che non è mai stato nella merda.
Soldato Rafterman: Quale sguardo?
Soldato Payback: Lo sguardo fisso al chilometro. Quello di chi è stato nella merda. Anzi. quello di chi ha vista l’aldilà. Io ce l’ho. Ce l’hanno tutti quelli che sono stati in prima linea. E verrà anche a te.
Soldato Rafterman: Anche a me?
Soldato Stork: Ehi Payback, come si fa a fermare 5 negri che stanno sfondando una bianca?
Soldato Payback: Vaffanculo Stork!
Soldato Stork: Gli tiri una palla da basket!
[cantando] Sergente Hartman: Papà e mamma dentro il letto stan…
Reclute: Papà e mamma dentro il letto stan…
Sergente Hartman: E la mamma gli chiede se glielo dà…
Reclute: E la mamma gli chiede se glielo dà…
Sergente Hartman: Infila qua.
Reclute: Infila qua.
Sergente Hartman: Infila là.
Reclute: Infila là.
Sergente Hartman: Un po’ più su.
Reclute: Un po’ più su.
Sergente Hartman: Un po’ più giu.
Reclute: Un po’ più giù.
Sergente Hartman: Va bene a te.
Reclute: Va bene a te.
Sergente Hartman: Va bene a me.
Reclute: Va bene a me.
Sergente Hartman: Spingi.
Reclute: Spingi.
Sergente Hartman: Viene su all’alba quando si alza il sol…
Reclute: Viene su all’alba quando si alza il sol…
Sergente Hartman: Va giù la sera quando cala il sol…
Reclute: Va giù la sera quando cala il sol…
[cantando] Sergente Hartman: Ho Chi Minh le pippe si fa.
Reclute: Ho Chi Minh le pippe si fa.
Sergente Hartman: Cinque volte al giorno tutto il mondo lo sa.
Reclute: Cinque volte al giorno tutto il mondo lo sa.
Sergente Hartman: Quei cessi li voglio così lustrati e sfavillanti che di venirci a fare i suoi bisogni ne dovrebbe essere orgogliosa anche la Vergine Maria.
Soldato Joker: Signorsì signore.
Sergente Hartman: Soldato semplice Joker, tu credi alla vergine Maria?
Soldato Joker: Signorno, signore.
Sergente Hartman: Soldato Joker, io credo di non aver sentito quello che hai detto.
Soldato Joker: Signore, il soldato ha risposto no, no signore.
Sergente Hartman: Brutto verme, mi fai venir voglia di vomitare. [Colpisce Joker con uno schiaffo] Brutto ateo comunista adesso mi dici immediatamente che tu vuoi bene alla vergine Maria altrimenti io ti strappo le budella. Allora vuoi bene alla vergine Maria, vero o no?
Soldato Joker: Signorno, negativo, signore.
Sergente Hartman: Soldato Joker, allora tu hai deciso di offendermi?
Soldato Joker: Signore, negativo signore. Il soldato pensa che qualunque cosa dica non vada bene e pensa che l’istruttore intenda punirlo ancora di più se si rimangia quello cha ha detto signore.
Sergente Hartman: Chi è il tuo caposquadra, sacco di merda?
Soldato Joker: Signore, il caposquadra di questo soldato è il soldato Biancaneve, signore.
Sergente Hartman: Soldato Biancaneve!
Soldato Biancaneve: Signorsì, soldato Biancaneve è presente, signore!
Sergente Hartman: Soldato Biancaneve sei degradato. Il soldato Joker è promosso caposquadra.
Soldato Biancaneve: Signorsì, signore.
Sergente Hartman: Scompari sacco di merda!
Soldato Biancaneve: Signorsì, signore.
Sergente Hartman: Palla di Lardo!
Soldato Palla di Lardo: Signore, soldato Palla di Lardo a rapporto, signore.
Sergente Hartman: Palla di Lardo, da adesso in poi il soldato Joker è il tuo nuovo caposquadra. Tu ti trasferisci sul suo castello. Ti insegnerà un sacco di cose. Ti insegna perfino a pisciare.
Soldato Palla di Lardo: Signorsì, signore.
Sergente Hartman: Il soldato Joker è ignorante senza Dio, ma ha fegato, e il fegato è tutto. Ora signorine potete procedere!
Reclute: Signorsì, signore.
Prostituta vietnamita : Hey, baby. Tu hai amica in Vietnam?
Soldato Joker [Con Rafterman]: Io adesso ancora no.
Prostituta vietnamita: Oh, baby. Io tanta voglia. Io tanta voglia. Io faccio amore lungo lungo. Fare festa?
Soldato Joker: Ma sì, facciamola la festa. Quanto vuoi?
Prostituta vietnamita: Quindici dolla.
Soldato Joker: Quindici dolla tutti e due?
Prostituta vietnamita: No. Quindici dolla uno. Io faccio amore lungo lungo. Io tanta voglia.
Soldato Joker: Quindici dolla è troppo boccu’. Cinque dolla a testa.
Prostituta vietnamita: Io succhia succhia. Mio amore dura molto. [La prostituta lancia un bacio a Joker e un altro bacio a Rafterman]
Soldato Joker: Mamma dice che più di cinque dolla non devo spendere.
Prostituta vietnamita: Okay. 10 dolla.
Soldato Joker: E che ci fai per 10 dolla?
Prostituta vietnamita: Faccio tutto tu vuoi.
Soldato Joker: Tutto tutto?
Prostituta vietnamita: Tutto tutto.
[Osservando una fossa comune]
Soldato Eightball: Riposate in pace.
Soldato Animal: Meglio voi che a me!
Soldato Rafterman: Almeno sono morti per la buona causa.
Soldato Animal: E quale causa?
Soldato Rafterman: La libertà.
Soldato Animal: Tira la catena e sciacquati il cervello. Tu credi che li ammazziamo per la libertà? Questa è strage. Se devo rischiare la pelle per una parola allora l’unica che mi va bene è scopare.
 
Full Metal Jacket
 

Martin Luther King

Il mio sogno è che i miei quattro bambini potranno vivere un giorno in
una nazione dove non saranno giudicati dal colore della loro pelle ma
dal contenuto del loro carattere.


If I Could Turn Back The Hands Of Time

How did I ever let you slip away
Never knowing I’d be singing this song some day
And now I’m sinking, sinking to rise no more
Ever since you closed the door

If I could turn, turn back the hands of time
Then my darlin’ you’d still be mine
If I could turn, turn back the hands of time
Then darlin’ you, you’d still be mine

Funny, funny how time goes by
And blessings are missed in the wink of an eye
Ohh Why oh why oh why should one have to go on suffering
When every day I pray please come back to me

If I could turn, turn back the hands of time
Then my darlin’ you’d, you would be mine
If I could turn, turn back the hands of time
Then my darlin’ you’d, still be mine

And you had enough love for the both of us
But I, I, I did you wrong, I admit I did
But now I’m facing the rest of my life alone, whoa

If I could turn, turn back the hands of time
Then my darlin’ you’d, you would be mine, whoa
If I could turn, turn back the hands of time
Then my darlin’ you’d, still be mine

Ohh I’d never hurt you (If I could turn back)
Never do you wrong (If I could turn back)
And never leave your side (If I could turn back)
turn back, the hands (the hands)

There’d be nothing I wouldn’t do for you (If I could turn back)
Forever honest and true to you (If I could turn back)
If you accept me back, in your heart, (If I could turn back the hands)
And I love you

Whoa (If I could turn back)
That would be my will (If I could turn back)
Darlin’ I’m begging you to take me by the hands (If I could turn back the hands)

I’m going down, yes I am (If I could turn back)
Down on my bended knee, yeah (If I could turn back)
And I’m gonna be right there until you return to me, whoa (If I could turn back the hands)


If I could just turn back that little clock on the wall (If I could turn back)
Then I’d come to realize how much I love you (If I could turn back)
Love you. Love you. Love you (If I could turn back the hands)

TRADUZIONE

Se potessi portare indietro le lancette del tempo

Come faccio sempre ti ho lasciata svignartela

non sapendo che un giorno avrei cantato questa canzone
ora mi sento affondare, non mi rialzerò più
anche perché mi hai chiuso la porta


Se potessi portare indietro le lancette del tempo
allora tesoro saresti mia
Se potessi portare indietro le lancette del tempo
allora tesoro saresti mia

divertente come il tempo passa
la fortuna è persa in un battito di ciglia
Perché una persona deve passare per la sofferenza
quando ogni giorno ti imploro di tornare da me

Se potessi portare indietro le lancette del tempo

allora tesoro saresti mia

Se potessi portare indietro le lancette del tempo

allora tesoro saresti mia

tu ne hai abbastanza del nostro amore
ma ho sbagliato, l’ho ammesso
ora ho di fronte il resto della vita da solo

Se potessi portare indietro le lancette del tempo

allora tesoro saresti mia

Se potessi portare indietro le lancette del tempo

allora tesoro saresti mia

non ti ferirei più se potessi tornare indietro
non sbaglierei se potessi tornare indietro
ti starei vicino se potessi tornare indietro
se potessi portare indietro le lancette

non ci sarebbe nulla che non potrei fare per te se potessi tornare indietro

sempre onesto e vero con te se potessi tornare indietro
se mi accetti indietro nel tuo cuore ti amerei

se potessi portare indietro le lancette

se potessi portarle indietro sarebbe il mio desiderio
se potessi portarle indietro tesoro supplicherei di prendermi la mano

se potessi portare indietro le lancette

sono triste, se potessi portarle indietro
in ginocchio yeah se potessi portarle indietro
resterò qui fintanto che tu tornerai da me
se potessi portare indietro le lancette

se potessi portare indietro l’orologio sul muro

se potessi portarlo indietro realizzerei quanto ti amo
ti amo ti amo ti amo
se potessi portare indietro le lancette

R. Kelly

Marco Fabio Quintiliano

Ai felici è difficile il giudicare rettamente le miserie degli altri.

Vanità, decisamente il mio Peccato preferito (John Milton)

Cambia tutto vivere sotto pressione. Certe persone le spremi e si svegliano, altre crollano. (John Milton)

Il Libero arbitrio… è una fregatura. (John Milton)

Nessuno vince sempre. (John Milton)

Kevin: Nella Bibbia tu perdi. Siamo destinati a perdere papà.
Milton: La Bibbia è una fonte sospetta figliolo.

Jim Morrison

Alcuni dicono che la pioggia è brutta, ma non sanno che permette di girare a testa alta con il viso coperto dalle lacrime.

Ci si salva e si va avanti se si agisce insieme e non solo uno per uno.

L’elettroshock, signor Latremoliere, mi riduce alla disperazione, porta
via la mia memoria, annichilisce la mia mente e il mio cuore, mi
trasforma in qualcuno che è assente e che conosce di essere assente, e
si vede per settimane ad inseguire il suo essere, come un uomo morto a
fianco di uno vivo che non è più se stesso, ma che insiste che l’uomo
morto sia presente anche se non può più rientrare in esso. Dopo
l’ultima serie rimasi attraverso i mesi di agosto e settembre
assolutamente incapace di lavorare e pensare, percependo di essere
vivo.

da A Jacques Latremoliere