Archive for luglio, 2008


stanotte prima che canti il gallo tu ti divertirai; stanotte ti voglio solidale con l’umanità perchè stanotte tu hai una missione: quella di non rompermi le palle!

Poldo (Ricky Memphis) a Rosario (Angelo Orlando)

Annunci

Pulp Fiction

I silenzi che mettono a disagio… Perché sentiamo la necessità di
chiacchierare di puttanate, per sentirci più a nostro agio? È
solo allora che sai di aver trovato qualcuno davvero speciale, quando
puoi chiudere quella cazzo di bocca per un momento e condividere il
silenzio in santa pace.

Mia

Dicono di Me

Dicono di me,
che sono un bastardo, bugiardo e lo fanno senza un perchè…
Dicono di me,
che sono una strega drogata e truccata e piena di sè…
E dicono di me,
che sono una stupida frase da dire davanti a un caffè…

E invece no, nessuno sa.
E invece no, nessuno sa.
Che avrei soltanto l’amore per lei…
Per lei che ha il nome di un fiore, per lei…
Per lei..

Dicono di me,
che sono una stupida frase da dire davanti a un caffè…
Dicono di me,
che sono un serpente con ali da diavolo e un cuore da re…
Ecco perchè, nessuno sa.
Ecco perchè, nessuno sa.
Ecco perchè, nessuno sa.
Nessuno sa….

Che avrei soltanto l’amore per lei…
Per lei che ha il nome di un fiore per lei…
Per lei che è l’unica al mondo, per lei…
Per lei che è l’unica al mondo, per lei…
Ed ogni raggio di luna è per lei…
Ed ogni raggio di luna è per lei…
Lei…

Cesare Cremonini

Sergio Bambarén

Sii ciò che desideri essere. Mostrati come desideri apparire. Agisci come scegli di agire. Pensa come vuoi pensare. Parla come vuoi parlare. Persegui gli scopi che desideri raggiungere. Vivi in armonia con le verità che senti tue.

da Vela Bianca

Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte
Il primo per vederti tutto il viso
Il secondo per vederti gli occhi
L’ultimo per vedere la tua bocca
E tutto il buio per ricordarmi queste cose
Mentre ti stringo fra le braccia.

Jacques Prevert da Parole

La sfiga è come l’idraulico. Sembra non arrivare ma prima o poi suona alla porta

Generazione Zero

10 9 gli
anni che non hai son proprio quei due voti che non ti hanno dato mai 8
7 i pochi amici tuoi quelli che rimangono come tu 6 5 4 le ore che ora
dormi com’è che ultimamente fai fatica a addormentarti quando ti svegli
al mattino ti riconosci più o meno sparisci piano piano 3 2 1 zero
generazione a impatto zero come la tracce lasciate sul nostro sentiero
zero come le volte che ci siamo fatti di ero o abbiamo patito la fame
davvero zero come la voglia di lavorare zero come i giorni fatti di
militare non c’ero quando a manifestare poteva finire male io lo facevo
per bigiare dopo la fine dei botti dei motti sessantottini son nati
molti bambini cresciuti in camerette strette e in cucine scavolini
quelle della cuccarini e se ora andreotti vende telefonini con la
marini per noi è normale come il ministro che telefona al banchiere
zero fiducia zero voglia di votare e ogni volta che lo tenti di
spiegare eheheh ti prendono per scemo per loro sei un alieno ma è
questo che ti fa contento un po’ si scambiano medaglie e vincono
battaglie la tua generazione zero codificati fin troppo complicati non
è la tribù della tim qui nessuno vi parla gratis siamo pochi 4 gatti
ancora presi dai videogiochi e dai cartoni giapponesi abbiamo mancato
di poco i festini di lapo siamo i figli dei primi che hanno divorziato
miliardari e barboni negli stessi locali in fila per il cesso fatti
come dei cani sui divani davanti ai televisori sadici spettatori
vogliamo lo tsunami sull’isola dei famosi quasi moriamo ma poi ci
riprendiamo siamo io te kate moss e calissano ti prendono per scemo per
loro sei un alieno ma è questo che ti fa contento un po’ si scambiano
medaglie e vincono battaglie la tua generazione zero tranquilli noi non
finiremo mai sui francobolli a destra no perché sono folli a sinistra
sono molli se ci volete a noi ci trovate fermi ai controlli senza
esperienza senza le lotte degli anni settanta e se che chi comanda è
una banda di zanza per noi sono solo fatti ordinari come le tette delle
vallette sui calendari che ci lasciano indifferente perché amiamo una
alla volta e siamo innamorati sempre ti prendono per scemo per loro sei
un alieno ma è questo che ti fa contento un po’ si scambiano medaglie e
vincono battaglie la tua generazione zero

J-Ax

Siediti al sole. Abdica e sii re di te stesso.

da Il poeta è un fingitore

‘A livella

Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31"

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro – netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale".

"Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!"

Totò


Teardrop


Love, love is a verb
Love is a doing word
Fearless on my breath
Gentle impulsion
Shakes me makes me lighter
Fearless on my breath

Teardrop on the fire
Fearless on my breath

…. of my tear
Black flowers blossom
Fearless on my breath
Black flowers blossom
Fearless on my breath

Teardrop on the fire
Fearless on my breath

Water is my eye
Most faithful mirror
Fearless on my breath
Teardrop on the fire of a confession
Fearless on my breath
Most faithful mirror
Fearless on my breath

Teardrop on the fire
Fearless on my breath

You’re stumbling in the dark
You’re stumbling in the dark

TRADUZIONE

Lacrima

Amare, amare è un verbo
Amare è un verbo di azione
Senza paura sul mio respiro
Impulso morbido
Mi scuote mi rende più leggera
Senza paura sul mio respiro

Lacrima sul fuoco
Senza paura sul mio respiro

Luce luce della materia
Fiori neri sbocciano
Senza paura sul mio respiro
Fiori neri sbocciano
Senza paura sul mio respiro

Lacrima sul fuoco
Senza paura sul mio respiro

L’acqua è il mio occhio
Specchio davvero fedele
Senza paura sul mio respiro
Lacrima nel fuoco della confessione
Senza paura sul mio respiro
Specchio davvero fedele
Senza paura sul mio respiro

Lacrima sul fuoco
Senza paura sul mio respiro

Inciampi nel buio
Inciampi nel buio

Massive Attack